Olio Essenziale di Manuka – Viaggio alla Scoperta del Leptospermum Scoparium

Pubblicato il Lascia un commento
olio essenziale di Manuka - Viaggio alla scoperta..

[𝕃𝕒 𝕡𝕣𝕚𝕞𝕒𝕧𝕖𝕣𝕒 𝕓𝕦𝕤𝕤𝕒 𝕒𝕝𝕝𝕖 𝕡𝕠𝕣𝕥𝕖 𝕖 𝕠𝕕𝕠 𝕤𝕦𝕠𝕟𝕚 𝕧𝕚𝕔𝕚𝕟𝕚 𝕕𝕚 𝕗𝕚𝕠𝕣𝕚 𝕔𝕙𝕖, 𝕚𝕞𝕡𝕒𝕫𝕚𝕖𝕟𝕥𝕚, 𝕒𝕔𝕔𝕠𝕣𝕕𝕒𝕟𝕠 𝕟𝕠𝕥𝕖 𝕕𝕚 𝕔𝕠𝕝𝕠𝕣𝕖] – #leptospermumscoparium #manukaoil

Tra le prime piante a ricordarci che la primavera è oramai alle porte. Già dalla fine dell’inverno i suoi ramoscelli più giovani iniziano a ricoprirsi di tanti piccoli fiori profumatissimi. LEPTOSPERMUM SCOPARIUM il suo nome botanico, anche nota come MANUKA.

Un genere originario dell’Oceania, che puoi oramai rintracciare facilmente anche in Italia. Sono molti infatti a rivendere queste giovani piantine profumatissime. 𝗦𝗽𝗲𝗰𝗶𝗲 𝗮𝗺𝗽𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗯𝗼𝘁𝘁𝗼𝗻𝗮𝘁𝗮 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗮𝗽𝗶, la Manuka ci dona il suo miele pregiatissimo. Meno conosciuto l’olio essenziale, una piccola rarità.

Estratto da foglie e giovani rametti, l’olio essenziale di Manuka ci racconta di una chimica straordinaria. Una elevatissima quota di SESQUITERPENI ma anche CHETONI, in particolare il LEPTOSPERMONE. La sua è una straordinaria AZIONE ANTIFUNGINA e ANTIBATTERICA. Tra le più elevate in Aromaterapia!

Alcuni testi lo citano come il fratello virtuoso del Tea tree. Simile, non certo uguale, infinite volte più potente dell’albero del Té si narra. L’olio essenziale di Manuka ti verrà in soccorso ogniqualvolta avrai bisogno di un medicamento potente, eppur sicuro. Ben tollerato, si presta a infiniti impieghi, dalle più comuni INFEZIONI e INFIAMMAZIONI DEL CAVO ORALE, ALLE MICOSI (incluse le ONICOMICOSI). Senza dimenticare infezioni di origine BATTERICA, dove l’olio essenziale di Manuka dona realmente il meglio di sé.

Gli Studi Scientifici sul Leptospermone dell’Olio Essenziale di Manuka

Esiste un’interessantissimo studio circa il LEPTOSPERMONE, dove si è analizzata l’intensa azione ANTIMICROBICA contro sei batteri di origine alimentare (Listeria monocytogenes, Salmonella typhimurium, Shigella flexneri, Shigella sonnei, Staphylococcus intermedius e Staphylococcus aureus). I risultati sono stati straordinari e aprono scenari futuri circa l’impiego come conservante naturale.

Esiste un ulteriore studio scientifico, particolarmente interessante, che vede protagonista questo olio essenziale contro l’Herpes virus. A tal scopo prepara un unguento da applicare ai primi sintomi. Sciogli 1 cucchiaio di burro di Karité a bagnomaria (circa 10g), quindi allontana dal fuoco, incorpora 10 gocce di OE di MANUKA e 10 gocce di OE di LAVANDA SPICA. Mescola, travasa, richiudi accuratamente, riponi in frigo e attendi che l’unguento risolidifichi.

Biografia di Alessandra Pagnoni

Mamma di Federico e Sofia, Biotecnologo di formazione, divulgatore scientifico, insegno e racconto di Aromaterapia e oli essenziali. Impegnata da anni nella formazione presso enti privati, Science CopyWriter e Web Content per la GN Web Design. Founder of AromaScience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *